Il trionfo di Anastasio e della scrittura di qualità

music friday

 

Guardo X Factor da un quantitativo di tempo immemore e, in maniera concreta, non ho mai colto appieno i parametri secondo la quale si dovrebbe – o non si dovrebbe – decretare un vincitore.
Non ho mai capito se si dovesse correre in nome del percorso fatto nel programma oppure, se dovessimo sederci tutti ad un tavolino immaginario e attuare un ragionamento in ottica discografica.
La vittoria di Anastasio, a mio parere, rappresenta la congiunzione di questi due fattori e decreta la meritocrazia di una vittoria in un programma in cui – storicamente – è l’eterno secondo a sollevare la tanto ambita X.
Anastasio ha meritato la vittoria del talent perchè, nonostante debba sempre essere un aspetto cardine, in Italia ci stiamo dimenticando di quanto la scrittura dovrebbe essere in rilievo, alla base di un progetto artistico.
Anastasio, inoltre, ha vinto con le parole un contesto in cui non si era mai dato un peso fondamentale ai testi e, seppur non totalmente classificabile nella sfera rap, potrebbe regalarci pezzi che si distanzino da Lamborghini placcate in oro e bling bling.
Sino al momento del verdetto, ritenevo i giochi più che aperti con la concorrente Naomi, la cui eventuale vittoria non sarebbe stata uno scandalo in quanto possibilità vocali, ma avrebbe rivangato aspramente un certo effetto boomerang post Licitra piuttosto amaro.
Look At Me Now, il pezzo con la quale Fedez ha precisato un paio di volte di aver rilanciato il percorso della cantante, è arrivato troppo tardi, ma rischiava comunque di rappresentare ciò che Who Wants To Live Forever rappresentò per Lorenzo Licitra l’anno precedente: il motivo dell vittoria.
Conclude il suo percorso molto bene Luna, poco incisiva nel duetto con Mengoni, ma decisamente in riscatto nell’esplosività del suo medley.
L’amaro in bocca rimane per i Bowland, quarti classificati in una serata che doveva dare loro di più, in nome di un percorso che non li ha mai visti tremare da un livello sempre altissimo dove, cadere, non avrebbe risparmiato rovinosi scivoloni.

In generale, la finale di X Factor 12, si è rivelata più godibile rispetto alle aspettative che mi ero posta.
Diciamocelo, in toto, l’edizione non ha brillato per momenti al cardiopalma e, nonostante l’habitué sia una coperta rassicurante, è palese quanto il programma necessiti di una riverniciata che, probabilmente, partirà dal tavolo dei giudici.
Manuel ha perso l’entusiasmo in una cherofobia senza fine, Fedez ha sparato tutte le sue cartucce e Lodo non ha mai sfoderato le unghie in un ambiente di gatti rabbiosi.
Mara Maionchi salva il tavolo, rivelandosi competente e intrattenitrice sempreverde, come del resto Alessandro Cattelan, il presentatore più versatile, piacevole e dall’attitudine internazionale che abbiamo in Italia.

X Factor si conclude qui, ma è arrivato il momento che sia il Fattore X a parlare.
Lo vedremo in classifica e nelle piazze.

Gli inediti di X Factor 12 – Pagelle e Recensioni

Concerti - Recensioni

La quinta puntata di X Factor 12 ha segnato l’ingresso dei concorrenti rimasti nel tanto agoniato – quanto sopravvalutato – mercato discografico italiano.
Nel corso della serata, ho avuto modo di riscontrare conferme, momenti di lieve ed effimero stupore e scivoloni di una portata non indifferente.
La cosa più corretta da fare, in questo caso, è insidiarsi lievemente più in profondità, andando ad analizzare ogni singola proposta discografica nella sua totalità.

Luna – Los Angeles VOTO: 5

Ritengo che, l’inedito proposto da Luna, rappresenti il più grande scivolone della serata.
Le aspettative erano alte – molto, per quanto mi riguarda – ed il risultato, non si è allontanato troppo da una confezione regalo cartoon friendly troppo elementare, per la caratura delle sue possibilità.
Certo, Luna ha sedici anni – come più volte puntualizzato dal buon Agnelli- ma le sconfinate occasioni dettate del suo talento, non possono e non devono riassumersi in un pezzo che, anche solo definire commerciale, è un complimento.


Renza – Cielo Inglese VOTO: 6

La grande hamartia di Renza è che, la sua decantata eleganza, possa sfociare nel confine sottile con quella che è l’ostentazione di quest’ultima e una derivata pesantezza.
L’inedito, sembra sfiorare più volte questa eterna condizione, ma regge abbastanza bene i colpi con un testo delicato – anche se in certi punti forzato ad un radical chic  all’apparenza obbligatorio – e supportato da strofe in congiunzione con ciò che è contemporaneo e ciò che non lo è più.


Anastasio – La Fine Del Mondo VOTO: 8

Che bella la gente che scrive, che bella la gente che ha la possibilità di collocare il suo genere cardine all’interno della scrittura.
Anastasio propone la sua penna – dritta come una spada – in un pezzo che unisce tutta la raffinatezza dei suoi testi ed un elemento “grezzo” costante che ne costituisce la forza.
Incredibile però come, la produzione infighettata, tolga intenzione al brano, molto più immediato in presentazione alle auditions.


Sherol – Non Ti Avevo Ma Ti Ho Perso VOTO: 5

Il pezzo comincia e il testo, ti mette nella predisposizione apparente di commuoverti.
Poi arriva il ritornello e , con lui, una base che definire imbarazzante e totalmente fuori linea, sarebbe riduttivo.
D’un tratto, la sensazione, è quella di trovarsi a cantare Hey Jude sulla base di Runnin’ di Beyoncè o di posizionare un bradipo su un tapis roulant a mille.
Non so quale fosse la direzione da voler intraprendere, ma il brano non ne vede di positive all’orizzonte.


Naomi – Like The Rain VOTO: 5

L’inedito di Naomi è talmente confezionato ad hoc per emozionare che, alla fine, finisce per non farlo.
Le liriche, le sonorità e le intenzioni da ballatona breathtaking, raccontano di un brano che una qualsiasi grande voce potrebbe interpretare, senza l’aggiunta di nulla di personale.

Bowland – Don’t Stop Me VOTO 7.5

Credibili, ipnotici e strumentalmente solidissimi.
La canzone è un viaggio di notte che, sino alla fine, non sai esattamente dove ti condurrà ma al contempo, è in grado di sussurrarti che la destinazione ne varrà la pena.

Leo Gassman – Piume VOTO 6.5

Canzone lineare e pulita, un po’ come il percorso di Leo all’interno del talent.
A tratti il brano sembra invecchiarlo e sembra sfiorare momenti di up che poi, in concreto, non raggiunge.
Indubbio è che, la Vie En Rose di Gassman, sia l’italiano.


Martina Attili – Cherofobia VOTO: 8

Martina Attili torna al check- in con la sua carta d’imbarco per eccellenza, in un racconto intricato e semplice di situazioni e fobie che, pronunciate da Martina, ti mozzano il respiro.
I riferimenti musicali sono palesi – troppo – ma il pezzo, regala un’emotività tagliente.

XF12: slang, draghetti e pillole musicali

Concerti - Recensioni

La quantità di articoli che parlano di X Factor, in particolare nel giorno seguente alla puntata, potrebbe essere inferiore solo alle gaffe rigettate dalla Mara Maionchi Nazionale, nel corso della seconda puntata del talent.

Perciò, suppongo che mi piacerebbe analizzare la trasmissione da un altro punto di vista e, suppongo di volerlo fare, con un ritardo sulla linea temporale che mi permetta di proporlo nel modo più lucido possibile.
Scherzo, in realtà ho lavorato come una iena e non ho avuto il tempo di pubblicare.

SPOILER ALERT: il rischio, con un certo grado di consapevolezza, è quello di rivoltarmi d’un tratto, in un minestrone senza fine.
Un po’ come i Seveso Casino Palace che, con la loro proposta di Amore Capoeira, mi hanno fatto sospettare l’improvvisa apparizione sul palco di mia zia Pasqua, con un vassoio di tartine tra le mani (giusto per aggiungere ancora un pizzico di credibilità e coerenza alla performance).

Andando ad oscurare per un attimo il lato tecnico della trasmissione, vorrei soffermarmi su un aspetto che ogni volta mi sconvolge perché, seppur trash, rappresenta annualmente uno dei motivi per cui X Factor, mi fa raggiungere livelli di delirio mai sfiorati da nessun altro programma.
Il tutto risiede, sostanzialmente, nello slang adottato dai giudici.
A volte mi chiedo se, questi ultimi, vengano selezionati effettivamente per esperienza e cultura musicale, o per la capacità di partorire cimeli della caratura di Anche a Max Pezzali piace l’Heavy Metal ma non fa l’Heavy Metal oppure Volevo essere Lou Reed ma sono quello della vecchia che balla.
A proposito di Lodo Guenzi, a livello di slang può regalarci delle permanenti emozioni, anche perché io saluto già con un Ciao Draghetti , il 75% delle mie amicizie.
Se uniamo inoltre il suo tono vocale e l’accento da cartone animato, sono sin da subito in grado di proiettarmi in una spa di relax e soddisfazione.

La seconda puntata del talent ha celato diverse verità tra cui la scoperta del reale anno di nascita di Ghali (il 2012 secondo Mara), la conferma dell’appartenenza di Manuel Agnelli alla famiglia Cullen (dopo un’immersione improvvisa nella nebbia) e che, se ti risvegliassi Shaggy, potresti avere il microfono spento per 3/4 di esibizione, il tutto al fine di collaudare gli strumenti per TonyEffe.

Alla fine, sono stati i Red Bricks Foundation ad abbandonare la gara, contro un Emanuele Bertelli che, a mio avviso, aveva già bruciato la sua stella alle audition.
Curioso come, i Red Bricks, fossero la band con il livello strumentale più a fuoco all’interno del contest, supportati forse da un frontman troppo troppo difficile da cogliere, anche solo in superficie.
Ciò che è immediato e palese è quanto, il batterista della band, sia in realtà Ignazio Boschetto de Il Volo alla ricerca del brivido metal.
Il tutto, con la collaborazione del bassista, palesemente un Lorenzo Licitra, che ci riprova.

PREFERITI DELLA SERATA:

 

 
@credits : tutte le immagini riportate in questo pezzo sono state prese dal sito ufficiale di X Factor Italia :  https://xfactor.sky.it/xf12/concorrenti/

I Måneskin che non ti aspetti con Torna a Casa

music friday

Il music friday è sempre un pentolone di novità per chi, sulle vie di settembre, si rende conto di ascoltare, con una certa dose di imbarazzo nel cuore, la stessa playlist dai meandri di giugno.
Oggi tornano i Måneskin, perchè chiamarsi il secondo posto più inaspettato nella storia di un talent show pareva brutto, nonchè lievemente prolisso.
Tornano con una proposta che abbandona – per il momento –  le venature a cui ci avevano abituati durante X Factor e con i singoli post talent.
Il pezzo si chiama Torna A Casa e quando il play scatta su Spotify, ti chiedi se l’account Premium sia effettivamente scaduto e si sia riattivata l’inesorabile riproduzione casuale.
Poi, fa il suo corso anche la voce di Damiano David e, in un certo senso, a casa ci ritorni un poco anche tu.
Riconoscibile, ruvida ma che, lì per lì, sembra non si rivesta perfettamente dell’abito di una ballad.
Il testo prosegue incontrando lievi scivoloni, con riferimenti all’impossibilità di avere una vita perfetta in assenza della decantata Marlena, ma compensa poi con up pazzeschi, in particolare a livello della seconda strofa / Voglio arrivare dove l’occhio umano si interrompe / Prima ero quiete perchè oggi sarò la tempesta.
Ed è incredibile notare come, certe sonorità e certi picchi testuali, siano di inevitabile riferimento ad un tipo di atmosfere cantautorali che non avrei mai pensato che i Måneskin sfiorassero, o volessero mai sfiorare.
Certo, il brano probabilmente non riveste le mura della casa ideale dei Måneskin, ma non credo nemmeno che questo fosse l’intento.
Piuttosto, è palese come la band sia in grado di valutare e abbandonare più zone di comfort, fattore che sapremo analizzare con decisione nel momento in cui il primo album, verrà definitivamente alla luce.
Nel frattempo mi sento di dire che, i Måneskin, siano la scoperta più interessante e valida che l’edizione italiana di X Factor, abbia mai saputo regalarci.
E se continueranno ad avere fame di fare strada, quella vera, sapranno imprimere un’orma ben riconoscibile nel panorama musicale italiano.

 

Col sangue sulle mani scalerò tutte le vette
Voglio arrivare dove l’occhio umano si interrompe
Per imparare a perdonare tutte le mie colpe
Perché anche gli angeli, a volte,
Han paura della morte