C’è chi ha scelto di essere felice, chi di guardare Grey’s Anatomy

ATTENZIONE: l’articolo potrebbe contenere qualche spoiler in linea con la programmazione americana di Grey’s Anatomy.

Quando cominci a guardare una serie televisiva, lo fai con la spensieratezza di poter abbandonare la nave i successivi tre episodi.
Quando cominci una serie improntata sul medical drama invece, hai sì la consapevolezza di poter fare la stessa cosa, ma con la certezza che ne uscirai con qualche nozione sulla tracheotomia in più.

Credo che per una manciata di milioni di persone la storia d’amore con Grey’s Anatomy sia nata così: percepiamo sullo schermo qualche medico manzo, un pizzico di storie d’amore improbabili ed entriamo serenamente nel background delle dinamiche di un ospedale.

Di certo, quando decidi di introdurti nella visione di Grey’s, non sei ancora a conoscenza del turbinio di lutti e traumi in cui sei finito e del conseguente patto firmato con il diavolo (un bacino a Shonda).
Quando un corpo informe e totalmente tumefatto si adagia sul letto del Grey’s Sloan, non penseresti mai che possa trattarsi di George O’Malley che, spinto dal purissimo cuore che aveva nel petto, decide di gettarsi sotto ad un autobus per salvare una perfetta sconosciuta.
Quando Izzie Stevens si innamora di Denny Duquette, viene spontaneo pensare ad un risvolto di labrador, figli e villette sperdute in spazi verdi ed infiniti, non di certo a lei che in preda ad un raptus emotivo stacca la spina di Denny affinché possa ambire ad un trapianto.
Un viaggio aereo atto a scortare un’equipe medica in supporto ad un altro ospedale, dovrebbe tramutarsi in questa equipe che effettivamente ci arriva in questo maledetto ospedale: inutile dire che perderete tragicamente una delle coppie più emozionanti di tutta la serie in un tragico incidente, in una giungla sperduta, con Mark Sloan che dichiara i suoi sentimenti per Lexie Grey mentre l’ala est dell’aereo le preme sull’aorta.
Inoltre sì, perché non far spirare il neurochirurgo per eccellenza per via di una TAC che un ospedale imbarazzante ha scelto di non attuare, uccidendo una storia d’amore da pazzi, una famiglia stupenda e tutte le aspettative del caso?
Mortacci tua Derek: ascoltare gli Snow Patrol è ancora infattibile dopo dieci anni.

Poi senz’altro si è trattato di far partire per mete poco rinomate del Bangladesh personaggi bellissimi, che ci hanno fatto innamorare e poi sono partiti: ciao Cristina, ciao Callie, un bacino affettuoso ad Alex Karev che, dopo anni di compagne dallo status mentale compromesso, crea un matrimonio sereno e stabile e nel giro di sette ore prende due valigie e se ne va dall’altra parte del pianeta.

Dove non è giunta la signora con la falce, ci è arrivata Krista Vernoff dividendo coppie meravigliose, che il fato sembrava aver coniato per esistere e il treno della vita ha demolito come amaretti nel caffè.
La divisione dei Japril mi ha colpito dritta in faccia e mi ha reso la donna che sono, ma sinceramente pensavo di aver pagato abbastanza alla cassa dei sentimenti di Shondaland.
Per questo non pensavo che, il mio risveglio dello scorso mattino, celasse questa tetra notizia:

Sentitevi di inserire Everybody Hurts dei R.E.M subito dopo questo screen.
Everybody hurts Shonda, ma tu sempre un po’ più degli altri.

6 pensieri su “C’è chi ha scelto di essere felice, chi di guardare Grey’s Anatomy

  1. Fairy Queen

    È stato un periodo cosí bello quello trascorso dentro il Mercy Grey! Perchè guardando questa serie eravamo con loro, soffrivamo con loro, erano parte della nostra quotidianità. Adesso stiamo aspettando che mettano al 16sima stagione su Prime e siamo disperati. Dopo la morte di Derek non ci sism più ripresi 😔

    Piace a 1 persona

      1. Fairy Queen

        Quando Meredith ha cercato di svoltare con il giovane De Luca non ci credevo. Mi son cadute le braccia. Certo era ovvio che gli sceneggiatori avessero l’obbligo di far spuntare qualcuno nella sua vita ma noi non eravamo preparati. Poi il biondino che è arrivato dopo sembra un attore di Beautiful, non voglio neanche ricordare il nome… Che casino! Io poi tifavo per la Yang insieme a Hunt e invece l’han fatta sparire in Germania. Son rimasta di stucco 😣

        Piace a 1 persona

Rispondi a micalien Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...