Una birra con i TheGiornalisti – Live Report BS

Concerti - Recensioni

I punti che mi hanno spinto ad andare ad un concerto dei TheGiornalisti, sono fondamentalmente due:
1- le persone che lavorano con me sembrano essere state reclutate da un fanclub su Facebook;
2- una mattina alle cinque, dove Felicità Puttana risuonava potente nel mio abitacolo.

Succede dunque che al concerto dei TheGiornalisti ci arrivo ed il parterre, non è così indie alternative come lo immaginavo.
Piuttosto, la maggioranza, è costituita da coppiette più o meno – con un picco decisivo sul più – sopra i trent’anni, che mi danno la sensazione primitiva di quanto, probabilmente, saranno le varie Riccione e Completamente a scuotere il pubblico della serata.

Ogni concerto prevede, come molti di voi ben sanno, un’attesa di rito, durante la quale non suppongo però sia prevista l’uscita spaziale di Tommaso Paradiso, scalzo, da uno degli sbocchi laterali del palazzetto.
Il destino ed il Love Tour, hanno voluto che lo sbocco laterale del palazzetto fosse quello dove io poggiavo la schiena, dando vita alle foto che vi lascio qui sotto, scattate dalla mia amica decisamente più Usain Bolt di me.


Il concerto comincia alle 21.15 con una puntualità disarmante che, lo ammetto, credo mi abbia stupito.
Probabilmente, avevo un immaginario TheGiornalisti molto più egomaniac.
Il PalaGeorge di Montichiari sembra ruggire sin da subito letteralmente, in quanto l’acustica del luogo si rivela davvero di bassa qualità e, non sempre, permette di cogliere al meglio le liriche di Tommaso e compagni.

Il LOVE tour è un connubbio di gonfiabili e schizzi grafici da band tumbrl, membri dell’orchestra che sbucano dal sottosuolo e una parte corale che strizza l’occhio all’universo gospel.
Tutto carino, tutto suggestivo, a tratti, lievemente forzato.
Eppure la forza dei TheGiornalisti, risiede nella loro semplicità.
Risiede nella sensazione della penombra e della birra che ti fai la sera con gli amici, che si conclude con l’artista della compagnia che si piazza davanti ad un falò e ti racconta dell’ultimo pezzo che ha scritto.
Risiede nella spontaneità di un uomo che si china al cospetto di migliaia di persone dicendo che, la prossima canzone in scaletta, è stata scritta per te.
Ecco, i TheGiornalisti hanno la bellissima capacità di rendere intimo un palasport da gente che ce l’ha fatta senza l’obbligo di sovrastrutture che, sulla loro proposta musicale,  non fanno altro che assumere le sembianze di una forzatura.
Credo che si celi qui, la chiave del loro successo, fra un accenno fresco e malinconico agli anni Ottanta e la sensazione di trovarsi costantemente in un ambiente familiare.

Il concerto si conclude ed un filo di ragione ce l’avevo, perchè la maggioranza delle persone presenti, sembra attendere con ansia solo i pezzi radiofonici ultraproposti.
La scaletta vuole essere però, una congiunzione di ciò che i TheGiornalisti erano e di ciò che i TheGiornalisti sono.
Suppongo stia ai fans storici, decidere se il connubbio sia valso la candela.

Annunci

4 pensieri su “Una birra con i TheGiornalisti – Live Report BS

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...