Ciò che ascolti a Londra rimane per sempre

Playlist, Viaggi

Non so se, quella che sto per raccontare, sia una sensazione comune o meno.

Se proprio devo essere sincera, non sono nemmeno certa del fatto che, questo articolo, non possa rivelarsi d’un tratto un mero tripudio di parole senza capo nè coda.
Ma ho deciso di tentare, soprattutto perché mi piacciono le conclusioni che non arrivano e i navigatori di parole che non portano mai alla meta predestinata.

Succede che decido di fare un viaggio a Londra e un conseguente – nonché necessario – report della mia esperienza che, tra l’altro, potete trovare qui.
Succede anche che, faccio il mio ritorno in patria poco dopo, ma ci ritorno in un senso prettamente fisico.
Un qualcosa di indefinito ed indefinibile vaga ancora per quelle strade e non so se sia la mia tendenza all’esagerazione a parlare o se, effettivamente, un qualcosa di me sia rimasto laggiú.
Grazie a Dio non mi riferisco a documenti ed oggetti personali, altrimenti tutti questi ricami letterari sarebbero sostituiti da una gif di me stessa mentre mi prendo a sberle, in maniera insistente e continuativa.

Allora tento di recuperare quelle sensazioni e scopro di avere un importante quantitativo di gigabyte sul cellulare per farlo.
Cerco di inserirmi nuovamente nelle vibrazioni dei video e delle innumerevoli fotografie eppure, riesco ad attuare il mio check-in aereo mentale, solo grazie alle canzoni che mi ci hanno accompagnato, per quelle strade.
E d’un tratto, mi rendo conto di quanto la musica sia in grado di stupirmi ancora una volta, anche quando credo di aver scoperto tutti i suoi assi nella manica.

Ho deciso cosí, di parlarvi di tutte quelle canzoni che hanno accompagnato i miei passi, nel momento in cui le mie Adidas, hanno sorvolato il suolo londinese.
Non perché tutto questo debba avere una ragione o possa imprimere dentro chi mi leggerà, informazioni di vitale importanza.
Il solo nesso logico di questo articolo, vuole che queste quattro mura, prendano d’un tratto le sembianze imponenti di Trafalgar Square o il caos ordinario di Camden.

E se volete salire a bordo, il gate chiude tra pochi minuti.


The A Team – Ed Sheeran

 

Ci sono io seduta su un gradino, Trafalgar Square che mi porge il suo abbraccio e un artista di strada con la sua chitarra, i CD masterizzati con le sue demo ed i suoi desideri sparsi per terra.
D’un tratto The A Team prende forma e colore in quella che sarà la colonna sonora del mio viaggio.
E sento di ringraziare quel ragazzo: non ricordo il tuo nome, ma ricorderò per sempre il brivido della tua voce dall’alto del mio gradino.


You Know I’m No Good – Amy Winehouse

 

Un banchetto di vinili a Camden Town, l’ardore pungente dell’incenso e le dita impazzite alla ricerca di un disco che non avrei saputo inserire nel bagaglio a mano.
Il ragazzo del mercatino mi aiuta a mettere in ordine i dischi e i pensieri, mentre Amy fuoriesce da una cassa malridotta.

Something In The Way – Nirvana

 

Il grigiore rassicurante del cielo e del Tamigi, un vento che non sembra avere rivali.
Le persone circolano sul Tower Bridge, con stupore e abitudine sotto le scarpe.
Io mi nutro del mio stupore del momento, sognando fosse abitudine.

The Girl Is Mine – Michael Jackson ft. Paul McCartney

Io e la mia migliore amica mentre sorridiamo e lasciamo scorrere qualche lacrima all’interno dell’esibizione Michael Jackson On The Wall.
E in quei sorrisi e quelle lacrime, ci sono occhi che hanno visto tanto insieme, gli stessi che scruteranno ancora tanto altro.

Love It If We Made It – The 1975

 

Perché ho sempre desiderato che la voce di Matty Healy mi accompagnasse in una      visione british che andasse oltre le fotografie del Big Ben su Google Immagini.


Roxanne – The Police

Nonché l’unica canzone che Spotify mi permettesse di riprodurre durante il volo in aereo.
Ricordate sempre di scaricare gli album offline o avrete, come nel mio caso, la percezione che Sting vi aspetti a Stansted, considerando il quantitativo esagerato di volte in cui la riproduzione del pezzo è ripartita.

Insomma, ci sono altre canzoni che hanno camminato al mio fianco durante il mio viaggio a Londra e le trovate tutte proprio cliccando qui!
Credo non sia opportuno descriverle una per volta e donare di conseguenza un volto ad ogni canzone, o il pezzo assumerebbe un taglio estremamente sanremese con la conduzione di Claudio Baglioni.
Lascio che siate voi a fornire agli altri brani una location e un’emozione.

E per quanto riguarda la vostra esperienza, ci sono dei viaggi o dei luoghi che avete visitato, a cui associate inevitabilmente un brano o un album?
Fatemi sapere, alla prossima!

 

Annunci

12 pensieri su “Ciò che ascolti a Londra rimane per sempre

  1. Ciao,
    Mi sono imbattuta nel tuo blog dopo aver visto che avevi iniziato a seguirmi e lo trovo molto interessante. Amo la musica e ho deciso di commentare questo articolo perché l’Inghilterra è una terra che ho sempre amato e, con lei, le meraviglie musicali che ha generato!
    A questa tua lista aggiungerei qualche altra canzone degli Oasis, dallo stile più brit pop tipo “She’s electric” o “Supersonic”, e poi i Beatles. Entrambi i gruppi ascoltati in cuffia, passeggiando per Londra, sono una cosa che, davvero, non riesco a descrivere!

    Mi piace

    1. Ciao Chiara, ti ringrazio davvero di cuore per il tuo tempo! Concordo, anche io ho sempre connesso l’Inghilterra alla musica, anche perché ciò che ascolto viene prevalentemente da lì! Poi ascoltare direttamente sul territorio, è un’altra cosa ancora! Ti ringrazio, alla prossima! 💟

      Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...